Radicchio variegato di Castelfranco IGP in cucina

Il Radicchio variegato di Castelfranco IGP si può conservare in frigorifero, ma solo per alcuni giorni. Il sapore varia dal leggermente dolce all’amarognolo ma al tempo stesso rimane molto fresco e delicato; in bocca la foglia risulta consistente e croccante.
La tradizione locale lo vuole utilizzato soprattutto crudo, semplicemente in insalata, come peraltro accade per tutti i nobili radicchi trevigiani. Ciò non toglie che lo si possa utilizzare in moltissime altre maniere: come base per insalate arricchite da altri gusti o condite in modo più sofisticato, oppure come ingrediente per risotti, minestre, cotture e persino fritture. Il suo ottimo sapore lo rende un alimento ideale anche nelle diete a basso contenuto calorico, l’importante è che la cottura sia veloce, in modo da salvaguardarne, oltre che le vitamine e i sali, anche la caratteristica delicatezza. È particolarmente ricco di calcio, ferro, fosforo, magnesio e con un’elevata percentuale di vitamine A, B2, C e PP.

Sono elencate alcune ricette dedicate al radicchio di Castelfranco e vanno dagli antipasti ai dessert, segno della sua grande versatilità in cucina:

– Radicchio brasato con salame all’aglio e crostone di pane all’Asiago
– Pappardelle ricce bianche e verdi con Variegato allo speck
– Filetto d’aringa al vapore marinato con aceto di mele
– Crema di Radicchio in cialda di mandorle
– Semifreddo con Radicchio Variegato e yogurt in cialda